Graveleur: Matteo Marcato

Nome Matteo
Cognome Marcato
Professione Tecnico ascensorista

> Ciao Matteo, che bici utilizzi?
Cinelli Zyteco

> E invece… “LA” tua bici dei sogni?
3t exploro

> Il tuo passato e presente in sella (esperienze e “carriera ciclistica”)
Passato: ho iniziato ad appassionarmi alla Mtb sin da ragazzino seguendo le olimpiadi in tv della famosissima Paola Pezzo. Da li rimasi folgorato dalle sue capacità tanto da chiedere in regalo per la mia promozione in 3 media una mtb nuova. Ho sempre scorazzato su e giu per i colli euganei essendo io nato a Padova, poi lavoro famiglia e figli hanno fermato questa passione per 10 anni.

Presente: ho ripreso circa 5 anni fa in una città diversa dove le colline non ci sono (abito vicino al mare di Caorle) qui la pianura irrompe maestosa con i suoi immensi stradoni demaniali e dove la ghiaia la fa da padrona, dove l’unico divertimento un po’ tecnico sono alcuni percorsi permanenti di gare cross country.

Esperienze: ho partecipato a qualche gara di cross country, poi ho scoperto per caso il mondo gravel e tutti gli eventi organizzati. Ho partecipato alla Mmm, Miami, Glory roads, Ttt race, e

ho organizzato in prima persona con il mio amico Riccardo Martin la Gravel dei mulini e la Gravel night

dove pur essendo il primo anno e senza esperienza abbiamo riscontrato pareri molto positivi, tanto da indurci ad impegnarci ancora di più e riproporre nuovamente il tutto.

> Se ti dico GRAVEL, cosa significa per te?

Gravel per me significa libertà. Libertà di scelta,

dove si può decidere se affrontare un evento come fosse una gara contro noi stessi ed i nostri limiti oppure in tranquillità con la compagnia di amici mogli o fidanzate. Concludendo direi che è un bel modo per farsi nuove amicizie in maniera molto semplice pedalando in luoghi incantevoli.